Lampedusa

L'Isola di LampedusaNegli anni cinquanta diverse furono le spedizioni scientifiche che si occuparono della fauna a Lampedusa; nonostante sia passato mezzo secolo, quello rimane lo studio più completo fino ad ora mai eseguito. La scarsa eterogeneità ambientale e la superficie assai ridotta dell’isola non permette la sopravvivenza ad un elevato numero di specie di vertebrati. I cervi, il cinghiale e il bue domestico, introdotti probabilmente dai principi tomasi, sembrava popolassero l’isola, ma già alla fine del 1800 non se ne ebbe più traccia. Tra i mammiferi domestici oggi presenti figurano: le pecore, le capre, i cani e gatti. Sono soltanto quattro, invece le specie selvatiche di questa classe: coniglio selvatico, mustiolo, pipistrello albolimbato, e il topolino delle case.

Accedi al sito Lampedusa Pelagie


L’Isola dei Conigli

L'Isola dei ConigliL’Isola dei Conigli è un isolotto situato a pochi metri dall’isola di Lampedusa, nelle isole Pelagie poste tra la costa siciliana e la costa tunisina. Le isole Pelagie sono tre: l’isola di Lampedusa, l’isola di Linosa e l’isola di Lampione. L’isola dei Conigli, per la sua limitata estensione, è considerata parte integrante dell’isola di Lampedusa, alla quale è unita in alcuni periodi dell’anno da un breve istmo di sabbia. In ogni caso anche quando non c’è il collegamento di sabbia può essere raggiunta ugualmente camminando nell’acqua, profonda meno di un metro.

Accedi al sito dell’Isola dei Conigli


Delfini

DelfiniNel mare che circonda l’isola sono presenti tre specie di delfino: Tursiope, stenella e delfino comune. Uscendo in barca per un usuale giro dell’isola è facile imbattersi in una di queste tre specie e poterli ammirarenei loro salti e giochi acrobatici. Nel 2001 a Lampedusa è stato inaugurato il centro di ricerca delfini, l’obiettivo principale è lo studio, la conservazione e la sensibilizzazione sulla necessità di proteggere questo mammifero.


La Fauna di Lampedusa

Il Falco della ReginaLa fauna ornitologica è rappresentata in particolar modo da specie di passo. Il vero dominatore alato dell’isola è il falco della regina (foto), questa specie in estinzione trova le condizioni ideali per deporre le uova sulle ripide falesie di Lampedusa. Altre specie nidificanti comprendono: la berta maggiore, la berta minore, il gheppio, il falco pellegrino, il piccione selvatico, la calandrella, il cardellino ed il fanello, il marangone dal ciuffo. Va inoltre citato la nutrita colonia di gabbiano reale che nel mese di aprile depone le uova sull’isolotto dei conigli


Le Tartarughe Caretta Caretta

Tartarughe Caretta CarettaLampedusa, ha il privilegio di ospitare uno dei più arcaici rettili della storia e cioè la ormai famosissima tartaruga marina caretta caretta, che regolarmente depone le uova sulle bianche sabbie dell’isola dei conigli. E’ presente sull’isola un centro di recupero tartarughe (wwf) che si occupa della tutela e salvaguardia della specie. Il gruppo dei sauri è rappresentato dalle seguenti specie : il geco verrucoso, la tarantola muraiola, la lucertola striata comune ed il congilo. Soltanto due specie di serpenti sono presenti sul territorio, ambedue originarie del nord africa: il columbro dal cappuccio ed il columbro lacerino entrambi inoffensivi all’uomo.


Il mare incantevole di Lampedusa

Acqua limpidaIl mare di Lampedusa è stato classificato uno dei più limpidi del mondo. In questi fondali di straordinaria bellezza, troviamo pesci di ogni genere tra cui aragoste, cernie, murene, pesci pappagallo, pesce spada, tonni, ricciole, pesce serra, triglie, code di pavone ed atri ancora. Tutta questa varietà di pesce nuota in uno scenario di alghe a palloncino, spugne, ricci e stelle marine, insomma niente da invidiare ai mari tropicali.


Le Balene

Balene e capodogliE infine, nel periodo tra marzo e aprile, si possono osservare facilmente il passaggio di alcuni grandi mammiferi quali la balenottera comune, la balenottera minore e il capodoglio.

Galleria Fotografica